Home > Consigli Utili > 5 tipologie di Champagne per Capodanno
tipologie di champagne per il capodanno

5 tipologie di Champagne per Capodanno

Non c’è Capodanno che si rispetti senza bollicine. Da sempre lo champagne la fa da padrone nel brindisi di mezzanotte, generalmente in compagnia con panettoni e altri dolci o con ostriche. Accostamenti che fanno sicuramente storcere il naso agli intenditori, che insieme ai dolci possono concepire soltanto versioni demi-sec o doux, e che, alle ostriche, accompagnano soltanto champagne con dosaggio equilibrato ma che, comunque, sono sempre stati sinonimo di festeggiamenti.

Forse anche per quell’alone di esclusività che circonda questo esclusivo vino, una bottiglia di buon champagne non può mancare nei festeggiamenti dell’ultimo dell’anno, pronta per essere stappata allo scoccare della mezzanotte. E’ anche vero che il mito dello champagne è stato in parte ridimensionato dall’emergere, grazie all’informazione di settore, dei cosiddetti RècoltantManipulant, contraddistinti dalla sigla RM, ovvero i prodotti di piccoli vigneron che possono vantare un buon connubio tra un prezzo generalmente competitivo e una buona o, in alcuni casi, ottima qualità.

Se anche voi, però, non potete resistere al mito dello champagne, vi diamo qualche consiglio per trovare la bottiglia giusta, in base ai vostri gusti e al vostro budget, per i festeggiamenti di Capodanno 2020.

1. Champagne a basso costo

Se il vostro Capodanno sarà low-cost, non vuol dire che dobbiate rinunciare alle bollicine. Si possono infatti tranquillamente trovare champagne stando dentro ai 25€. Qualche esempio? La Cuvée de Reserve Brut di Piollot, piccolo produttore dell’Aube può essere un’ottima scelta. Questo champagne da Pinot Nero (70%) e Chardonnay (30%) saprà sicuramente stupirvi per l’originale incontro di toni salmastri e floreali. Una valida alternativa può essere il Brut di Laurent Perrier, più semplice ma di sicuro successo.

2. Champagne rosato

Se state pensando ad un rosè per il vostro brindisi di mezzanotte, dovrete fare molta attenzione a scegliere la bottiglia giusta, per non rischiare di cadere nella delusione di un sapore eccessivamente banale e fruttato. Puntate ad esempio sul Brut Rosé di Christophe Mignon, un grande vino da Pinot Meunier carnoso e sanguigno, che vi sorprenderà con il suo sapore possente ma sapido. Se avete difficoltà a reperirlo, potete optare per il Rosé Vintage 2004 di Pol Roger che, sia pure con una maggiore finezza, ne riprende i tratti in un champagne dal carattere deciso e sensuale.

3. Champagne di lusso

Se volete concedervi un capodanno da sceicco, senza badare a spese, allora dovete assolutamente puntare in alto anche nella scelta dello champagne. Senza necessariamente arrivare alle cifre stratosferiche delle marche più famose, dovrete comunque scegliere un maison importante, come Jacquesson. Il suo AvizeChampCaïn 2004 è contraddistinto da una grande classe, una fortissima espressività minerale e un tono lungo, sapido, a tratti roccioso. In alternativa, sarete certi di fare la scelta giusta affidandovi al DomPerignon Œnothèque 1996, l’ideale per iniziare il nuovo anno all’insegna del lusso più esclusivo!

4. Champagne stravagante

Se il vostro sarà un Capodanno freak, all’insegna dell’originalità senza badare a spese, allora puntate sul vignero Jacques Beaufort. Imprevedibilità naturalità non omologazione sono le caratteristiche che contraddistinguono tutti i suoi champagne. Vi consigliamo, in particolare, il Polisy Brut 2005, un vino sorprendentemente irresistibile, che lascerà meravigliati i vostri ospiti. Se però preferite puntare su una grande maison, potrete allora affidarvi al connubio di toni ossidativi, fieno, agrumi e spezie inebrianti di uno degli champagne più originali in circolazione: La Grande Année 2004 di Bollinger.

5. Champagne per un brindisi “biologico”

Volete riflettere la vostra anima bio anche nel brindisi di Capodanno? Provate l’Efflorescence Extra Brut della maison biodinamica Marie Courtin. In questo Pinot nero, forte e deciso, ritroverete, tra acidità e sapidità, tutta la mineralità della regione dell’Aube, a un prezzo assolutamente concorrenziale. Di più facile reperibilità, grazie alla produzione più ampia, è il LesMesnilSurOger Extra Brut GrandCru di Pascal Doquet. Questo ottimo Chardonnay, biologico certificato, saprà conquistarvi con le sue note agrumate e salmastre e, non meno importante, con il suo ottimo prezzo.

Guarda anche

menu vegetariano per il Capodanno

Il menù vegetariano per Capodanno

Stai cercando idee per un menù vegetariano per il cenone di Capodanno? Nella guida che …

La informiamo che il nostro sito e le eventuali applicazioni ad esso strettamente connesse, previo suo consenso, utilizzano cookies nostri e di terze parti. Il tutto per poter offrirvi la migliore esperienza durante il suo utilizzo. Cliccando sul bottone "ACCETTO" si acconsente al loro utilizzo. CLICCA QUI PER L'INFORMATIVA COMPLETA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi